Claudio Mattone

Scritto da: admin
03 feb 2004

Claudio Mattone


E' ufficiale: il premio Roberto I Sanseverino, edizione 2004, è stato assegnato al celebre autore di “C'era una volta…Scugnizzi“: CLAUIO MATTONE.  La Compagnia è particolarmente legata all'artista in quanto “Magnifica Gente“, tra magnifica gente, ci sentiamo anche noi, così come nell'omonimo brano tratto dalla colonna sonora del musical, che ci rapresenta da sempre. Ogni nostra esibizione si apre e si chiude con questo stupendo brano, dandoci l'illusione di una sua costante partecipazione… è il momento della verità!
Per chi desidera maggiori informazioni suggeriamo il sito http://www.napoliteatro.it, vi troverete anche le date della tourneé teatrale.
La consegna del premio avverrà il 28 Marzo 2004, presso il Centro Sociale di Mercato San Severino alle ore 19:00. La consegna del premio sarà preceduta da un nostro spettacolo.

Ma cerchiamo di conoscere un po’ meglio il nostro premiato. Claudio Mattone nasce a Napoli nel 1943, ma vive a Roma da molti anni. Fin da ragazzo, come egli stesso dichiara, grazie alla sua familiarità con le note e con le parole, una certa capacità di sintesi ed il gusto dell’ autoironia non ha trovato di meglio che scrivere canzoni!
Successivamente il suo amore per lo spettacolo lo ha portato a provare anche altre strade ed oggi si ritrova ad essere anche autore e produttore di teatro.
I suoi maestri sono stati tutti i compagni di lavoro, tra cui Franco Migliacci, Enrico Vaime, Gino Landi, Pietro Garinei e tanti altri, anche meno famosi, di ciascuno dei quali si porta dentro qualcosa.
Ha scritto, da solo e con altri, un bel po’ di canzoni, tra cui “Ma che freddo fa” (Nada), “Il cuore è uno zingaro” con cui Nicola Di Bari e Nada vincono il Festival di Sanremo nel 1971.
Ancora nel 1973, Peppino Di Capri con “Un grande amore e niente più” vince il Festival di Sanremo, ma non finisce qui: nel 1981, Eduardo De Crescenzo, sempre a Sanremo presenta “Ancora”; inizia la collaborazione con Renzo Arbore che ha prodotto successi come “Ma la notte no”, “Il materasso”, “Il clarinetto”, brano giunto terzo al Festival, etc. L'anno 1995 vede trionfare nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo, il gruppo salernitano dei Neri per Caso con il brano "Le ragazze". L'anno dopo, una nuova scoperta per Claudio Mattone: Syria, che con un suo brano: "Non ci sto" vince le Nuove Proposte sanremesi e l'anno dopo sempre con un brano firmato da Mattone, arriva terza tra i Big. La discografia continua con tante altre canzoni, per Alberto Sordi, Gigi Proietti, Enrico Montesano etc. Ha scritto anche alcune colonne sonore, sicuramente la più famosa è quella del film diretto da Nanni Loy, "Scugnizzi", con cui si aggiudica il Nastro d'Argento e ben due David di Donatello. Dal film il maestro ha tratto il famoso musical che sta spopolando nei maggiori teatri italiani "C'era una volta Scugnizzi", spettacolo vincitore del premio E.T.I. come miglior musical. Sono sue anche le musiche di alcuni spettacoli teatrali, tra cui ricordiamo "E' molto meglio in due" con G. Iannuzzo e P. Quattrini e di gran parte delle commedie musicali interpretate da Enrico Montesano, nonché una lunga serie di sigle di programmi televisivi. Con Enrico Vaime ha firmato anche gli spettacoli “Beati Voi”,”Gli uomini sono tutti bambini”. Questa è solo una minima parte della lunga e proficua carriera del maestro Mattone.

La Magnifica Gente do' Sud

Share