Il Dono ad Altavilla Silentina

Scritto da: Alfonso Ferraioli
07 dic 2018

Il libro il 21 dicembre verrà presentato ad Altavilla Silentina, in un percorso d’informazione in sinergia con l’amministrazione comunale.

Attraverso le presentazioni, l’autore vuole dimostrare la grandezza di chi compie il gesto di donare i propri organi, qualora si presentassero le condizioni adatte, per la rinascita di una vita.

Share

Giovedì presso l’aula consiliare del Comune di Mercato S. Severino si è conclusa la 18^ edizione del Premio Roberto I Sanseverino per la Responsabilità, assegnato al Centro Ricerca Telethon di Pozzuoli, TIGEM. Si è parlato di Ricerca con i Dottori Carmine Spampanato e Carmine Settembre del TIGEM , quella ricerca per cui oggi tante malattie si conoscono e si possono curare.                                                                                        Ricerche che riguardano malattie rare.

Possiamo dire senza ombra di dubbio che abbiamo parlato di VITA!

Share

Il Dono è un libro autobiografico che si intreccia con altre storie che l’autore ha vissuto durante il suo percorso di vita. Una vita costellata da una malattia congenita che gli ha colpito i reni, conducendolo infine alla dialisi e poi al trapianto di rene. Alfonso ha voluto scrivere questo libro che lui stesso lo definisce con un paradosso, “speculativo”, perché attraverso esso sta portando in giro il discorso sulle donazioni degli organi, affrontando il tema dalla parte di chi, grazie al Dono ha ripreso a vivere, conquistando così la FELICITA’. A questa felicità l’autore si aggrappa e da un seguito al libro con una rappresentazione teatrale ispirata ad esso dal titolo che è una domanda allo spettatore: “Tu la doneresti la felicità?”, portata in scena dallo stesso autore che è tra i fondatori di un’associazione teatrale che opera nel settore da circa trent’anni, La magnifica gente do’ sud. Ma non finisce qui, tra fine gennaio – inizio febbraio è in programma la presentazione della “La via del Dono” (Via Crucis con le meditazioni sull’importanza elle donazioni degli organi). Impegno totale sul tema, a cui l’autore si è ormai completamente dedicato, per dire GRAZIE alla vita per questo meraviglioso DONO ricevuto. Per dire GRAZIE a tutti coloro che con il proprio gesto verso l’umanità decidono di salvare Vite. Alla fine alla base di tutto, il libro e l’intera attività, vuole essere un inno alla Vita ed esaltarne la bellezza.

Share